venerdì 11 maggio 2018

Una frase del “Mencio”






“Per meglio comprendere il misticismo di Mencio, leggiamo la conversazione tra un discepolo e il Maestro (Mencio, II a, 2). Il discepolo chiede a Mencio in che cosa sia specialista e questi risponde: ‘So ciò che è corretto e scorretto nel parlare, sono in grado di coltivare il mio Hao Jan Che Ch’i’.
L’interlocutore chiede il significato del termine e Mencio replica: ‘E’ il Ch’i, supremamente grande, supremamente forte; se coltivato senza impedimenti, allora pervade tutto tra Cielo e Terra. E’ il Ch’i, attuato combinando rettitudine e Tao [la Via, la Verità]; senza questi sarebbe debole’. Nei tempi antichi, il termine Hao Jan Che Ch’i compare unicamente in questo contesto; più tardi, in seguito alla crescente influenza di Mencio, venne frequentemente adoperato. Lo stesso Mencio afferma che ‘è difficile dire’ che cosa precisamente voglia dire (Ibid.)”[1].




Andrea A. Ianniello







[1] Fung Yu-lan, Storia della filosofia cinese, Oscar Mondadori, Milano 1975, pp. 65-66, corsivi in originale.
Anche utile può essere questa frase di Sri Ramana Maharishi, cf.




Nessun commento:

Posta un commento